Finalmente Marino ha il suo Piano di Emergenza Comunale - Marino 5 Stelle

Vai ai contenuti

Menu principale:

Pagina 1


Finalmente Marino ha il suo Piano di Emergenza Comunale


"Con deliberazione del Consiglio Comunale, tenutosi Martedì 29 Novembre, abbiamo approvato il Piano di Emergenza Comunale del Comune di #Marino. Finalmente gli interessi privati sono stati superati dall’interesse nella tutela della persona.
Il PEC è un tassello molto importante al fine di garantire la sicurezza di ogni cittadino che, messo di fronte ad un possibile rischio di calamità, ha un piano organizzato da seguire in maniera tale da non essere esposto all'improvvisazione che provocherebbe confusione e metterebbe a repentaglio la nostra incolumità.

La maggioranza compatta ha ufficializzato la delibera che teniamo a ribadire essere frutto del lavoro di tante persone che hanno messo a disposizione il loro tempo e le loro competenze gratuitamente per regalare finalmente a questo comune il Piano di Emergenza Comunale che ricordiamo essere obbligatorio per legge dal 2012!
Detto ciò il punto più in risalto è stato l’atteggiamento della minoranza che in Consiglio ha avuto molta premura nell'evidenziare perplessità riguardo i dettagli circa le modalità di preparazione del PEC e la scelta delle aree di attesa, accoglienza e soccorso evidenziate per l’emergenza, non tenendo conto invece della scellerata evoluzione urbanistica che, nella quasi totalità del territorio, ha evidenziato la difficoltà nel reperire spazi proprio per via dell’espansione del cemento che ha causato la carenza degli stessi.

Ma l’atteggiamento più grave a nostro avviso è stato l’astensionismo espresso all'atto della votazione da parte della Minoranza, arrivando persino al voto contrario da parte del centro destra, nelle figure dei Consiglieri Cecchi e Lapunzina.

Naturalmente non è nostro compito giudicare l’operato delle altre forze politiche saranno i cittadini a farlo, ma è un nostro dovere come Amministrazione ringraziare la Protezione Civile, l’Associazione Marino Aperta Onlus, il gruppo Monsignor Grassi, e tutte le altre realtà del territorio che hanno contributo alla realizzazione del Piano di Emergenza Comunale che verrà presentato in Regione prima della fine dell’anno."

Torna ai contenuti | Torna al menu